Libreria popolare di via Tadino

Cultura metropolitana
151
0

A pochi passi da Porta Venezia c’è, da quasi mezzo secolo, la Libreria Popolare di via Tadino, libreria di soli libri, tantissimi libri che riempiono gli scaffali a parete e i tavoli d’esposizione occupando tutto lo spazio disponibile, ma lasciando agio ai visitatori di esplorare con calma l’offerta ampia e selezionata messa a disposizione da Guido Duiella, libraio “non per caso”, nel senso che possiede passione e competenza necessarie a intrattenere col cliente un rapporto diretto e reciproco, doti che, unite all’attivismo sociale e culturale, costituiscono il requisito per far parte della Associazione Librerie Indipendenti di Milano, librai non venditori di libri.

Insomma, una piccola libreria che resiste con orgoglio alla spietata concorrenza delle vendite online e delle grandi catene commerciali e continua ad essere un posto dove si va per trovare il libro che si sa o per farsi aiutare  su cosa cercare, per confrontarsi tra lettori o per ascoltare dal vivo gli autori, per partecipare a corsi di scrittura o ad altre iniziative culturali.

Tutto ciò rappresenta un bene che va difeso e sostenuto e crediamo emerga con evidenza dall’intervista che vi proponiamo all’ascolto.

Facebook Comments

POST A COMMENT.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.