IL FUOCO DELLA TERRA – ANNUNZIATA SCIPIONE

Cultura metropolitana
178
0

Alla Fondazione Stelline, fino al 30 luglio, è possibile ammirare una cinquantina di opere tra dipinti e sculture di Annunziata Scipione, una delle più interessanti esponenti del naїf italiano contemporaneo.
Nata a Teramo nel 1928, in una famiglia contadina, ultima di sette figli. frequenta la scuola primaria solo fino alla terza elementare. Sin da bambina è dotata di uno straordinario talento artistico, che però nasconde fino a circa 40 anni, quando comincia a realizzare, con tecniche apprese da autodidatta, vere e proprie sculture lignee (1968) e dipinti, soprattutto olii su tela (1972). Già nel 1974/75 comincia ad affermarsi a livello nazionale e internazionale, esponendo anche a Parigi e a Londra.

La mostra offre al visitatore un percorso attraverso l’intera opera di Annunziata Scipione, dal 1968 fino alla più recente fase espressiva, conclusasi solo pochi mesi prima della sua scomparsa avvenuta il 24 aprile 2018, ed è una sorta di diario enciclopedico delle usanze, delle attività lavorative, delle tradizioni laiche e religiose della società arcaico-rurale dei luoghi dov’è nata e ha vissuto, molto simili, del resto, a quelli di tutta l’Italia fino al dopoguerra. Un “documentario” che prende corpo in cromie fiabesche, seppure pervaso da un solido e cristallino senso del reale e dell’appartenenza alla propria terra.

Ringraziamo la direzione della Fondazione e i curatori della mostra,che ci hanno consentito di offrirvene un ampio saggio nel video seguente.

Ingresso libero - martedì – domenica, ore 10.00-20.00 (chiuso il lunedì)
Fondazione Stelline, c.so Magenta 61,
Info: fondazione@stelline.it

Facebook Comments

POST A COMMENT.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.